Assemblee

XVIII ASSEMBLEA NAZIONALE, CASTELBUONO (PA) 7-8 LUGLIO 2016

Programma e relatori
OdG Assemblea Ordinaria dei Soci
Comunicati Stampa e Rassegna Stampa

XVIII ASSEMBLEA DEI SOCI

DEL COORDINAMENTO AGENDE 21 LOCALI ITALIANE

PROMUOVERE, SVILUPPARE, SPERIMENTARE

L’ECONOMIA CIRCOLARE

CASTELBUONO (PA) 7 e 8 LUGLIO

banner-large

7 LUGLIO

Ore 9.30-13.30

CONFERENZA NAZIONALE ‘PROMUOVERE, SVILUPPARE, SPERIMENTARE L’ECONOMIA CIRCOLARE’

La nuova strategia europea per un’economia circolare contiene proposte legislative per intervenire su vari settori dell’economia per rendere l’UE sempre più efficiente nell’utilizzo delle risorse.

L’evento sarà un’occasione per riflettere insieme partendo dalle esperienze di economia circolare delle città e dei territori italiani.

Saluti istituzionali:

Rosario Crocetta –  Presidente Regione Siciliana

Antonio Tuminello – Sindaco di Castelbuono

Maurizio Tira – Presidente Coordinamento Agende 21 locali Italiane

 

L’economia circolare in Europa (link video)

Francoise  Bonnet- ACR+

 

L’economia circolare nella programmazione regionale (pdf

Paola Gazzolo – Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome

 

Economia circolare come opportunità per una vita più sana (pdf, Video)

Simona Arletti – Presidente Rete Città Sane

 

La proposta di legge sullo spreco alimentare

Stefano Mazzetti-  Sindaco Sasso Marconi

 

Tecnologie, strumenti e approcci per l’economia circolare (pdf)

Claudia Brunori – ENEA SSPT

 

Sistemi e strumenti per l’economia circolare: la certificazione cradle to cradle (pdf)

Karen Fantini – Werner & Metz – Mauro Bigi Ernst & Young

 

Sport e sviluppo sostenibile (pdf1, pdf2, pdf3)

Santino Cannavò – UISP

 

Conclusioni

Gianluca Galletti  –  Ministro dell’Ambiente (saluti del Ministro inviati in occasione dell’evento)

 

Coordina: Maurizio Tira – Presidente Coordinamento Agende 21 locali Italiane

 

ore 13.30 pausa pranzo

 

ORE 15.00- 18.00

LABORATORI (SESSIONI IN PARALLELO)

  • LABORATORIO 1: CICLO DI VITA DEI PRODOTTI E RIFIUTI

Nell’economia circolare i rifiuti tendenzialmente non esistono: per garantire tale obiettivo sono necessari profondi cambiamenti in tutta la catena della produzione, del consumo e del reimpiego delle risorse.

Modera: Matteo Francesconi –  Assessore Comune di Capannori

            Coordinamento del tavolo: Orsola Bolognani – Ambiente Italia

 

Progetto ECOGDO e esperienze Comuni di Ragusa e Siracusa (pdf) – Barbara Sarnari, Svi.Med

Esperienze di prevenzione e riuso del Comune di Ferla (pdf) – Michelangelo Giansiracusa, sindaco Comune di Ferla

Progetto Prisca – Centro del riuso di San Benedetto del Tronto – Paolo Canducci

Chimica verde e bioraffinerie integrate nel territorio: un contributo all’economia circolare attraverso la valorizzazione di biomassa proveniente da scarti agricoli e aridocolture sostenibili (pdf) – Vittoria Fatta ENEA

Prevenzione, riduzione e riciclo verso Rifiuti Zero (pdf)– Alessio Ciacci Presidente ASM Rieti ed Acsel SpA

Imballaggi d’acciaio: quando il rifiuto diventa risorsa (pdf) – Iascone Roccandrea – Ricrea Consorzio Nazionale Acciaio

 

Altra documentazione:

Comune Di FerlaTG3_ECOSTAZIONE (link video)

Video SVI-MED. ‘Riusa

Video Consorzio RICREA (link video)

  • LABORATORIO 2: ACQUISTI VERDI

Il Collegato ambientale dà maggiore strategicità allo strumento del Green Public Procurement, ponendolo con forza al centro delle politiche ambientali di governo della transizione dell’economia.

Modera: Alessandro Di Stefano – Regione Emilia-Romagna

Coordinamento del tavolo: Silvano Falocco – Fondazione Ecosistemi

Dal green procurement al green circular procurement – Daniela Luise – Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Piano Triennale GPP regionale – Claudia Tambato – Regione Veneto

Padova Acquista Verde – Cinzia Rinzafri – Comune di Padova

 

  • LABORATORIO 3: RIGENERAZIONE URBANA SOSTENIBILE

Gli interventi di rigenerazione urbana prendono avvio dallo spazio pubblico dell’unità di vicinato e sono caratterizzati da trasformazioni organiche e profondamente ponderate, partecipazione degli abitanti, attivazione dell’opportunità locali ambientali, imprenditoriali, associative del territorio.

Modera: Angelo Gualandi – Assessore Comune di Pavia

Coordinamento del tavolo: Michele Zuin – Comune di Padova

 

Città resilienti – Francesco Musco – IUAV

Uso razionale dell’energia e utilizzo delle fonti rinnovabili negli edifici – Roberto Moneta e  Domenico Prisinzano – ENEA

Rigenerazione spazi e vuoti urbani: la Carta di Genova – Simona Arletti – Presidente Rete Città Sane

Approcci e soluzioni per città circolari e sostenibili Claudia Brunori -ENEA – SSPT

Progetto PadovaFit – Michele Zuin – Comune di Padova

La Smart City come leva per la rigenerazione urbana – Denis Grasso -IEFE Bocconi

 

  • LABORATORIO 4: STRUMENTI ED ESPERIENZE PER L’ECONOMIA CIRCOLARE

Il tema degli strumenti e della rendicontazione delle performance è sempre stato una leva a disposizione  degli Enti Locali per la promozione delle politiche di sostenibilità. Strumenti quali: la contabilità ambientale e i sistemi di gestione ambientale sono stati e sono tuttora strumenti fondamentali sia nella attuazione delle misure che per rendere certi e pubblici i risultati raggiunti. Quali strumenti e quali modelli sono utili per promuovere misure di economia circolare? Durante il seminario, attraverso alcuni casi pratici di natura gestionale e/o di governance, verranno presentati, analizzati e discussi alcuni strumenti che si stanno diffondendo come  l’indice di circolarità,  la certificazione cradle to cradle e il circular green procurement

Modera: Fabio Gon – Assessore Comune di Monfalcone

            Coordinamento del tavolo: Mauro Bigi Ernst & Young

 

Il coinvolgimento delle comunità locali contro lo spreco alimentare – Francesco Russo Coop-Ancc

Il Sistema Cradle to cradle– Karen Fantini Werner & Mertz

Il sistema Leed per la economia circolare – Marco Mari Consigliere GBC Italia

Riuso del legno: un’opportunità da esplorare – Irene Ivoi Rilegno

L’impresa sociale come strumento per ridare dignità a territori e persone – Francesco Galante  – Coop Liber

Reporting assessment ed economia circolare – Mauro Bigi Ernst Young

L’impresa sociale come strumento per ridare dignità a territori e persone – Walter Sancassiani Focus Lab

 

ore 17.30 – in plenaria i referenti dei Laboratori riferiscono sui lavori

ore 18.30 – conclusioni Maurizio Tira – Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

ore 19.00 – Direttivo Coordinamento Agenda 21

ore 21.00 cena sociale

VENERDÌ 8 LUGLIO

8 LUGLIO

ORE 9.30-13.30

Sala Capriate, Ex Monastero Santa Venera, Via Roma 72

 

ASSEMBLEA DEI SOCI DEL COORDINAMENTO AGENDE 21 LOCALI ITALIANE

ore 9.30

La promozione dell’economia circolare in Italia nel recente Collegato Ambientale

Stefano Vaccari – senatore – relatore Collegato Ambientale

 

Esperienze di economia circolare in Regione Siciliana

Antonio Tuminello – Sindaco di Castelbuono

 

L’Agenda Urbana dell’Unione Europea (pdf)

Emilio D’Alessio – past President Coordinamento Agenda 21

 

10.30-13.30 ASSEMBLEA ANNUALE DEI SOCI DEL COORDINAMENTO AGENDE 21 LOCALI ITALIANE

Ordine del Giorno:

  • Saluto delle Istituzioni Locali;
  • Relazione del Presidente e presentazione Bilancio Sociale 2015;
  • Presentazione Bilancio consuntivo 2015 e Bilancio preventivo 2016;
  • Discussione e votazione:

o Bilancio Consuntivo 2015;

o Bilancio Preventivo 2016;

  • Convenzione con ANCI;
  • Attività dell’Associazione;
  • Struttura del Gruppo 21;
  • Varie ed eventuali

L’Assemblea Ordinaria dei Soci si terrà la seconda giornata, venerdì 8 luglio, dalle ore 10.30 alle ore 13.00, con il seguente Ordine del Giorno:

o Bilancio Consuntivo 2015_CA21L;

o Bilancio Previsionale2016_CA21L;

  • Convenzione con ANCI;
  • Attività dell’Associazione;
  • Struttura del Gruppo 21;
  • Varie ed eventuali

SEDE: Sala Capriate, Ex Monastero Santa Venera, Via Roma 72, Castelbuono (PA)

Il voto sui temi all’Ordine del Giorno presentati in Assemblea è riservato ai legali rappresentanti dell’Ente, in regola col versamento della quota 2015 o rinnovo 2016 o nuovo socio 2016, o in alternativa, muniti della delega del legale rappresentante e possono essere portatori di una sola delega di un altro Ente Locale socio con diritto di voto.

Convocazione Assemblea Coordinamento Agende 21 2016

Fac simile Delega al Voto (Word, pdf)

Si raccomanda di contattare la Segreteria del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane (tel 059 209434, email: coordinamento.agenda21@provincia.modena.it) per conoscere la propria posizione associativa.

 

XVII ASSEMBLEA NAZIONALE, DESENZANO DEL GARDA 17-18 SETTEMBRE 2015

Programma e relatori
OdG Assemblea Ordinaria dei Soci
Comunicati Stampa e Rassegna Stampa

 

BANNER_agenda21_medium

GIOVEDI’ 17 SETTEMBRE

CITTA RESILIENTI NEL 21°SECOLO

Ore 9.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 9.15 SALUTI ISTITUZIONALI

Rosa Leso, Sindaco di Desenzano del Garda

Pier Luigi Mottinelli, Presidente della Provincia di Brescia

Rossella Zadro, Presidente Associazione Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Coordina: Maurizio Tira, Assessore Urbanistica, Edilizia Privata e Mobilità, Comune di Desenzano del Garda

Ore 9.40  – FOCUS SU CITTA’ E CAMBIAMENTI CLIMATICI – Domenico Gaudioso, Dirigente servizio atmosfera e clima ISPRA

Ore 10.00 LE STRATEGIE ONU PER LA LOCALIZZAZIONE DELLA AGENDA POST 2015 E LE LINEE D’AZIONE SULLO SVILUPPO LOCALE SOSTENIBILEFrancesco Bicciato, Consulente Internazionale ed ex Funzionario ONU (UNDP)

Ore 10.20 IL NUOVO ACCORDO SUL CLIMA NELLA PROSPETTIVA DELLE CITTÀ – Gianni Silvestrini, Responsabile scientifico Kyoto Club

Ore 10.40 MAYORS ADAPT: LA CAMPAGNA EUROPEA PER LA RESILIENZA DELLE CITTÀLaura Creazzo, Ufficio di coordinamento Mayors Adapt

Ore 11.00 L’AGENDA URBANA POST 2015, DALLA COP 21 A HABITAT IIIEmilio D’Alessio, Past President Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Ore 11.20 CAMBIAMENTI CLIMATICI IN ITALIA: DALLA STRATEGIA ALLA TASK FORCE ITALIA SICURA – Intervento conclusivo a cura del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti*

Ore 12.00

TAVOLA ROTONDA “ROMA, BOLOGNA e MILANO: CITTÀ RESILIENTI”

Coordina Massimo Tedeschi, Caporedattore dell’inserto bresciano del Corriere della Sera

Intervengono:

Alessandro Gianni Coppola – Coordinatore del progetto Roma Resiliente, Patrizia Gabellini – Assessore a Urbanistica, Città Storica e Ambiente del Comune di Bologna, Maria Berrini Amministratore Unico AMAT Agenzia Mobilità, Ambiente e Trasporti Comune di Milano.

Ore 13.30 Pausa pranzo a buffet – portico di Palazzo Todeschini

* in attesa di conferma

Ore 14.30 WORKSHOPS “Città resilienti nel 21° secolo”– GRUPPI DI LAVORO

I lavori continueranno con quattro Gruppi di Lavoro che approfondiranno il tema della resilienza. Le sessioni dei Gruppi di Lavoro si sviluppano in parallelo.

  1. Governo del territorio e politiche di contrasto ai cambiamenti climatici: dalla mitigazione, all’adattamento, alla resilienza.
  2. Progettazione e finanziamenti per rendere le città resilienti (risorse finanziarie, partnership, ricerca, pianificazione ed innovazione).
  3. Strumenti operativi per realizzare l’adattamento delle città.
  4. Amministratori e cittadini resilienti. Usare nuove forme di partecipazione, open governance, trasparenza, comunicazione.

Ore 14.30 PRIMO INCONTRO DEL “GRUPPO 21” (in contemporanea ai Gruppi di lavoro)

Coordina Rossella Zadro, Presidente del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Il Gruppo 21, così come descritto dall’art. 14 dello Statuto, nasce dalla volontà di allargare la Associazione a soggetti esperti, professionisti, enti, altro, che abbiano già collaborato o che intendano collaborare con A21 sui temi dello sviluppo sostenibile e sulle attività conseguenti.

Ore 16.30 SESSIONE PLENARIA

  • Resoconto dei 4 gruppi di lavoro: i facilitatori ed esperti riportano i risultati dei gruppi di lavoro
  • La Rete “Le città per il clima”

Rossella Zadro, Presidente del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Ore 18.30 CONCLUSIONI – Maurizio Tira, Assessore Urbanistica, Edilizia Privata e Mobilità, Comune di Desenzano del Garda

Ore 20.30 CENA SOCIALE (su prenotazione)

 

VENERDI’ 18 SETTEMBRE

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL COORDINAMENTO AGENDE 21 LOCALI ITALIANE

Ore 9.00

SALUTI ISTITUZIONALI

Rosa Leso, Sindaco di Desenzano del Garda

Ore 9.15 LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL CAPITALE UMANO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONEPaola Poggipollini/Giorgio Fabbri, Associazione NoiCoach

Ore 9.30 TAVOLA ROTONDA “IL CLIMA E LE POLITICHE DELLE CITTÀ E DEI TERRITORI”

Coordina: Maurizio Maffi, Assessore all’Ambiente del Comune di Desenzano del Garda

  • Rossella Zadro, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
  • Rappresentante ANCI
  • Simone Ombuen, Commissione Ambiente e Paesaggio e membro del Consiglio Direttivo INU
  • Maurizio Tira, Presidente CeNSU
  • Edoardo Croci, IEFE Bocconi
  • Francesco Musco, IUAV

Ore 10.30 APERTURA LAVORI ASSEMBLEA ORDINARIA

Ore 13.00 CHIUSURA ASSEMBLEA e prima seduta del Consiglio Direttivo 2015-2017

 

La XVII Assemblea del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane si è svolta con il contributo della Fondazione Cariplo (www.fondazionecariplo.it)

fclogo

 

L’Assemblea Ordinaria dei Soci si terrà la seconda giornata, venerdì 18 settembre, dalle ore 10.30 alle ore 13.00: all’OdG dell’AN2015, la votazione del nuovo Presidente e del Consiglio Direttivo del biennio 2015-2017.

Il voto sui temi all’Ordine del Giorno presentati in Assemblea è riservato ai legali rappresentanti dell’Ente, in regola col versamento della quota associativa, o in alternativa, muniti della delega del legale rappresentante e possono essere portatori di una sola delega di un altro Ente Locale socio con diritto di voto .

Fac simile Delega al Voto (pdf, Word)

Si raccomanda di contattare la Segreteria del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane (tel 059 209434, email: coordinamento.agenda21@provincia.modena.it) per conoscere la propria posizione associativa.

 

VENERDI’ 18 SETTEMBRE

Ore 10.30 Apertura lavori Assemblea ordinaria

  • Presentazione del Documento del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane verso la COP 21 di Parigi e Votazione;
  • Presentazione Bilancio Sociale 2014
  • Relazione Bilancio Consuntivo 2014
  • Relazione Bilancio Preventivo 2015
  • Dibattito e votazioni
  • Presentazione delle candidature a Presidente e componenti del Consiglio Direttivo per il biennio 2015-2017
  • Dibattito e votazioni

Ore 13.00 Chiusura Assemblea e prima seduta del Consiglio Direttivo 2015-2017

Convocazione Ufficiale AN15 18 settembre 2015

Verbale assemblea AN15_18 sett2015_approvato

Bilancio Consuntivo 2014

Relazione Bilancio Consuntivo 2014

Bilancio Preventivo 2015

Relazione Bilancio Preventivo 2015

Comunicato Stampa AN15 1

Comunicato stampa AN15 1bis

Comunicato Stampa AN15 2

Comunicato Stampa AN15 3

Comunicato Stampa AN15 4

Comunicato Stampa AN15 5

RASSEGNA STAMPA E REPORT AGENDE 21 

 

Qui sotto i link alle interviste fatte per AN15:

RADIO ARTICOLO 1 (Intervista in diretta a Rossella Zadro, martedì 15 settembre 2015 ore 10.15) http://www.radioarticolo1.it/jackets/cerca.cfm?str=agende+21&contenuto=audio

RADIO RAI 2 –CATERPILLAR (Intervista in diretta a Rossella Zadro, giovedì 17 settembre 2015 ore 17.50, dal minuto 11.45) http://www.radio.rai.it/podcast/A45936341.mp3

RADIO RAI 1 – HABITAT (Servizio con intervista a Maurizio Tira, registrata venerdì 18 settembre 2015, in onda venerdì 9 ottobre ore 14.30) http://www.rai.tv/dl/portaleRadio/media/ContentItem-694347b6-aedd-4e19-8b9c-57dab4a5626c.html

AGR-CNR – GREEN TIME (Servizio con intervista a Rossella Zadro, registrata martedì 15 settembre, 2015, in onda martedì 29 settembre 2015) (

)

RADIO POPOLARE (Intervista in diretta a Rossella Zadro, mercoledì 16 settembre ore 14.15, dal minuto 40.45) http://podcast.radiopopolare.it/cult_16_09_2015_2.mp3

BRESCIA PUNTO TV (Servizio con interviste a Rossella Zadro e Rosa Leso, realizzate giovedì 17 settembre 2015, andato in onda nel tg serale delle 21.30, dal minuto 17.00) http://www.bresciapuntotv.it/videos/3164_tg/121495/?pag=2

 

XV ASSEMBLEA NAZIONALE, PADOVA 20-21 SETTEMBRE 2013

Introduzione
Programma
Interventi
Photogallery
Assemblea ordinaria dei soci
Il discorso della nuova presidente


2213-image-roll-upSi è tenuta a Padova la XV Assemblea del Coordinamento delle Agende 21 Locali italiane. Cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile, finanziamenti nei settori energetico-ambientali, i temi oggetto dei seminari e delle conferenze in programma.

Venerdì mattina, all’interno del Convegno ‘La Rete che vogliamo’, è stato presentato il network “Il clima cambia la città”. Nato su iniziativa dei Comuni di Padova, Bologna, Ancona e Alba, con il supporto del Ministero per la Tutela dell’Ambiente, del Territorio e del Mare e del Coordinamento delle Agende 21 locali italiane, la rete ha lo scopo di promuovere e diffondere a livello nazionale i progetti sull’adattamento ai cambiamenti climatici già operativi nel paese. Il fenomeno infatti sta esponendo l’Italia a rischi crescenti, che hanno ricadute non solo ambientali ma anche sociali e economiche. L’adattamento al cambiamento climatico rappresenta quindi un argomento decisamente delicato e in questo momento il Ministero dell’Ambiente sta definendo la strategia da presentare all’Unione europea che poi dovrà essere declinata a livello territoriale.

Nel pomeriggio in particolare, i Soci hanno presenziato alla presentazione italiana dello State of the World 2013. Il testo, realizzato dal Worldwatch Institute e curato per Edizioni Ambiente da Gianfranco Bologna, Direttore Scientifico del WWF Italia, fa la fotografia più completa e aggiornata dello stato di salute degli ecosistemi terrestri. Il libro riunisce le analisi e le proposte di scienziati, opinion leader internazionali ed esperti di politica, filosofia ed economia per l’individuazione di politiche ed azioni che possano mettere il pianete sulla strada della prosperità, senza intaccare il benessere delle generazioni future. Hanno relazionato: Michael Renner, Senior Researcher del Worldwatch Institute, Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 locali italiane, Gianfranco Bologna, Direttore scientifico WWF, Cesare Dosi, Docente di Economia Ambientale dell’Università di Padova e Alessandro Beda per il Global Compact Italian Network.

Sabato mattina, a seguito delle premiazioni di ‘Spendere senza soldi’, iniziativa a cura di Kyoto Club e Coordinamento, per premiare i comuni che hanno realizzato investimenti sostenibili per l’ambiente senza aggravare i bilanci comunali, si è tenuta la XV Assemblea ordinaria deli Soci del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane in cui ci sono state le votazioni deglo Organi Direttivi dell’Associazione pe ril biennio 2013-2015: Rossella Zadro, assessore all’ambiente del Comune di Ferrara, è la nuova presidente del Coordinamento delle Agende 21 Locali Italiane, mentre Il nuovo consiglio direttivo sarà composto dai Comuni di Bologna, Padova, Milano, Roma, Pavia, Castelbuono, Desenzano, Ferrara, Cesano Maderno, Borgofranco d’Ivrea, San Benedetto del Tronto, Capannori, San Severo, Leverano, Udine e Reggio Emilia e le Province di Siena e di Firenze e le Regioni Liguria e Campania.

Programma
Venerdì 20 settembre
ore 10.00
Sala Rossini, Caffè Pedrocchi
LA RETE CHE VOGLIAMO- Network “Il clima cambia la città”

ore 17.00
Sala Rossini, Caffè Pedrocchi
È ANCORA POSSIBILE LA SOSTENIBILITÀ?
Presentazione dell’edizione italiana di State of the World 2013 del Worldwatch Institute

Sabato 21 settembre
ore 9.00
Sala Anziani, Palazzo Moroni
PREMIAZIONE CONCORSO “SPENDERE SENZA SOLDI”
ore 11.30
Sala Anziani, Palazzo Moroni
ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLE AGENDE 21 LOCALI


Venerdì 20 settembre
ore 10.00
Sala Rossini, Caffè Pedrocchi

LA RETE CHE VOGLIAMO – Network “Il clima cambia la città”

Un gruppo di città e di esperti coinvolti in progetti sull’adattamento ai cambiamenti climatici stanno costituendo, con il supporto del Ministero per la Tutela dell’Ambiente, del Mare e del Territorio e del Coordinamento delle Agende 21 Locali Italiane, il network “Il clima cambia la città”.
L’incontro ha lo scopo di far incontrare le città che hanno già maturato esperienze significative, o che stanno avviando progetti, sull’adattamento e la resilienza ai cambiamenti climatici, al fine di condividere obiettivi e metodi di lavoro della futura rete.

Saluti istituzionali

Marina Mancin, Assessore Ambiente Comune di Padova
Perché un network? Presentazione del network e della giornata

Mauro Bigi di Indica srl intervista:
Daniela Luise, Coordinamento A21L
Piero Pelizzaro, Kyoto Club
Paola Giannarelli, Ministero Ambiente (invitata)

Adattamento e resilienza: lo stato dell’arte Strategia di adattamento europea e italiana: lo stato dell’arte
Sergio Castellari, CMCC

Urbanistica e adattamento: le prime esperienze Italiane
Francesco Musco, IUAV

Iniziamo a fare rete

Gruppi di lavoro tra città per la presentazione delle esperienze e l’elaborazione di proposte operative per la costituzione del network.
In ogni gruppo saranno presenti un esperto scientifico e un facilitatore della rete:

  1. Aree Metropolitane: Giovanni Fini (Comune di Bologna), Lorenzo Bono (Ambiente Italia)
  2. Città di Pianura: Daniela Luise (Comune di Padova), Mauro Bigi (Indica srl)
  3. Città Porto-Città Costiere: Marco Cardinaletti (EuroCubeSrl), Antonio Ninivaggi (Comune di Ancona)
  4. Aree Montane: Carlo Giupponi (FEEM), Emanuele Burgin (Coordinamento A21L)
  5. Piccoli Comuni: Piero Pelizzaro (Kyoto Club), Roberto Cavallo (Comune di Alba)

Conclusioni: Multi-Governance territoriale per l’adattamento ai cambiamenti climatici
Emilio D’Alessio, Past President Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

INCONTRI DEI GRUPPI DI LAVORO del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
ore 14.30
Palazzo Moroni
Territorio
Green economy
Smart city
Stili di vita

Venerdì 20 settembre
ore 17.00
Sala Rossini, Caffè Pedrocchi

È ANCORA POSSIBILE LA SOSTENIBILITÀ? Presentazione dell’edizione italiana di State of the World 2013 del Worldwatch Institute

In 34 capitoli scienziati, leader internazionali ed esperti di politica, filosofia ed economia analizzano e propongono l’individuazione di politiche ed azioni che ci possono mettere sulla strada della prosperità, senza intaccare il benessere delle generazioni future. La sfida del rapporto State of the World 2013 (a cura di G. Bologna WWF per Ed. Ambiente) è quella di cercare di ridare un senso al termine “sostenibilità”, superando la mera visione di strumento di marketing.

Saluti istituzionali
Ivo Rossi, Vice Sindaco Comune di Padova
Dante Caserta, Presidente WWF Italia

Intervengono:
Andrea Orlando, Ministro Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare (invitato)
Michael Renner, Senior Researcher Worldwatch Institute
Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento A21L
Gianfranco Bologna, Direttore scientifico WWF
Cesare Dosi, Docente di Economia Ambientale – Università di Padova
Marco Frey, Chairman of the Global Compact Italian Network
Modera:
Armando Massarenti, Sole 24 Ore

Sabato 21 settembre
ore 9.00
Sala Anziani, Palazzo Moroni

PREMIAZIONE CONCORSO “SPENDERE SENZA SOLDI”

Saluti istituzionali
Marina Mancin, Assessore Ambiente Comune di Padova
Coordina e introduce i lavori
Silvia Zamboni, giornalista e scrittrice ambientalista
La Fondazione Cariplo e l’accesso degli Enti Locali al credito per l’ambiente
Elena Jachia, Direttrice Area Ambiente – Fondazione Cariplo
Le Agende 21 Locali e gli strumenti di finanziamento per l’ambiente
Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento A21L
Spendere senza soldi
Beppe Gamba, Coordinatore Gruppo di lavoro- Protocollo di Kyoto ed Enti Locali – Kyoto Club

Consegna dei Premi “Spendere Senza Soldi” con lettura delle motivazioni
Comune vincitore – categoria fino a 5.000 ab.
Roberto Calabresi, Kyoto Club
Comune vincitore – categoria da 5.001 a 20.000 ab.
Daniela Luise, Direttore Coordinamento A21L
Comune vincitore – categoria da 20.001 a 90.000 ab.
Sergio Andreis, Kyoto Club – EUASE
Comune vincitore – categoria oltre i 90.000 ab.
Karl-Ludwig Schiebel, Alleanza per il Clima
Conclusioni
Silvia Zamboni

Sabato 21 settembre
ore 11.30
Sala Anziani, Palazzo Moroni

xv ASSEMBLEA ORDINARIA DEL COORDINAMENTO DELLE AGENDE 21 LOCALI

Saluti istituzionali
Ivo Rossi, Vice Sindaco Comune di Padova
Interviene:
Flavio Zanonato, Ministro dello Sviluppo Economico
Apertura lavori Assemblea ordinaria
Relazione Programmatica 2013 e presentazione Bilancio Sociale 2012

Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento A21L
Presentazione Bilancio Consuntivo 2012 e Bilancio Preventivo 2013
Daniela Luise, Direttore Coordinamento A21L
Dibattito e votazioni
Presentazione delle candidature a Presidente e a componente del Consiglio Direttivo per il biennio 2013-2015
Dibattito e votazioni
Chiusura Assemblea e prima seduta del Consiglio Direttivo

Programma

Venerdì 20 settembre- ore 10.00
”LA RETE CHE VOGLIAMO – Network “Il clima cambia la città”

Adattamento e resilienza: lo stato dell’arte Strategia di adattamento europea e italiana: lo stato dell’arte – Sergio Castellari, CMCC
Urbanistica e adattamento: le prime esperienze Italiane – Francesco Musco, IUAV

Venerdì 20 settembre – ore 17.00
È ANCORA POSSIBILE LA SOSTENIBILITÀ? Presentazione dell’edizione italiana di State of the World 2013 del Worldwatch Institute

Michael Renner, Senior Researcher Worldwatch Institute
Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento A21L
Gianfranco Bologna, Direttore scientifico WWF
Cesare Dosi, Docente di Economia Ambientale – Università di Padova
Marco Frey, Chairman of the Global Compact Italian Network
Modera:
Armando Massarenti, Sole 24 Ore
Sabato 21 settembre
ore 9.00
Sala Anziani, Palazzo Moroni
PREMIAZIONE CONCORSO “SPENDERE SENZA SOLDI”

Saluti istituzionali
Marina Mancin, Assessore Ambiente Comune di Padova (video)
Coordina e introduce i lavori
Silvia Zamboni, giornalista e scrittrice ambientalista
La Fondazione Cariplo e l’accesso degli Enti Locali al credito per l’ambiente – Elena Jachia, Direttrice Area Ambiente – Fondazione Cariplo
Le Agende 21 Locali e gli strumenti di finanziamento per l’ambiente – Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento A21L
Spendere senza soldi – Beppe Gamba, Coordinatore Gruppo di lavoro- Protocollo di Kyoto ed Enti Locali – Kyoto Club

Consegna dei Premi “Spendere Senza Soldi” con lettura delle motivazioni

Categoria fino a 5.000 ab.: Comune di Calvello e Comune di Melpignano (a pari merito)

Categoria da 5.001 a 20.000 ab.: Comune di Montechiarugolo; Comune di Monterenzio (menzione speciale)

Categoria da 20.001 a 90.000 ab.: Comune di San Benedetto del Tronto

Categoria oltre i 90.000 ab.: Comune di Padova e Comune di Ferrara

Conclusioni
Silvia Zamboni

Sabato 21 settembre
ore 11.30
Sala Anziani, Palazzo Moroni
xv ASSEMBLEA ORDINARIA DEL COORDINAMENTO DELLE AGENDE 21 LOCALI

Saluti istituzionali
Ivo Rossi, Vice Sindaco Comune di Padova
Interviene:
Flavio Zanonato, Ministro dello Sviluppo Economico
Apertura lavori Assemblea ordinaria
Relazione Programmatica 2013 e presentazione Bilancio Sociale 2012
Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento A21L
Presentazione Bilancio Consuntivo 2012 e Bilancio Preventivo 2013
Daniela Luise, Direttore Coordinamento A21L
Dibattito e votazioni
Presentazione delle candidature a Presidente e a componente del Consiglio Direttivo per il biennio 2013-2015
Dibattito e votazioni
Chiusura Assemblea e prima seduta del Consiglio Direttivo

Venerdì 20 mattina: Conferenza ‘La Rete che vogliamo’

Photogallery

Convegno ‘E’ ancora possibile la sostenibilità? Presentazione dell’edizione italiana di State of the World 2013 del WWF’

Photogallery

XV Assemblea Ordinaria dei Soci del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Photogallery

Sabato 21 settembre
Relazione Programmatica 2012
Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Bilancio Consuntivo 2012 e Relazione
Bilancio Preventivo 2013 e Relazione
Presentazione Bilancio Sociale 2012

Il Bilancio Sociale 2012

Votazione nuovo Presidente e nuovo Consiglio Direttivo per il biennio 2013-2015:

Presidente: Rossella Zadro, Assessore all’Ambiente del Comune di Ferrara

Membri Consiglio Direttivo: Comuni di Bologna, Borgofranco d’Ivrea (TO), Capannori (LU), Castelbuono (PA), Cesano Maderno (MB), Desenzano (BS), Leverano (LE), Milano, Padova, Pavia, Reggio Emilia, Roma, San Benedetto del Tronto (AP), San Severo (FG), Udine, Provincia di Siena, Provincia di Firenze, Regione Liguria e Regione Campania.

Past President: Emanuele Burgin, Assessore all’Ambiente della Provincia di Bologna

2237-foto-direttivo-13-15

Il Consiglio Direttivo del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, 2013-2015


ROSSELLA ZADRO, ASSESSORE ALL’AMBIENTE DEL COMUNE DI FERRARA,
È LA NUOVA PRESIDENTE DEL COORDINAMENTO DELLE AGENDE 21 LOCALI ITALIANE

(file pdf)

Il nuovo consiglio direttivo sarà composto dal Past Presidente Emanuele Burgin, dalla Direttrice Daniela Luise, dai Comuni di Bologna, Padova, Milano, Roma, Pavia, Castelbuono (PA), Desenzano (BS), Ferrara, Cesano Maderno (MB), Borgofranco d’Ivrea (TO), San Benedetto del Tronto, San Severo (FG), Capannori (LU), Udine e Reggio Emilia, Leverano (LE), le Province di Siena e di Firenze e le Regioni Liguria e Campania

Discorso del Presidente

Assumo con onore e forte motivazione questo incarico importante e prestigioso. Ringrazio tutti per la fiducia dimostratami nella elezione di oggi.
Ringrazio inoltre il Direttivo uscente, l’attuale Past President Emanuele Burgin che mi ha consegnato il valore di questa rete laboriosa di amministratori locali, di cittadini, di soci che come me oggi intendono continuare a percorrere la strada della sostenibilità per la propria città, per il proprio Paese, per l’umanità a cui appartengono. Ringrazio il Direttore, Daniela Luise, instancabile nel cercare soluzioni ieri ed oggi al mio fianco.

Ho quattro anni di direttivo A21 alle spalle. Ho potuto apprezzare in questo tempo la collaborazione con e tra gli enti. E’ un habitus mentale collaborare tra di noi, è una ricchezza in questo momento di profonda crisi economica e crisi della politica. Il confronto, lo scambio di esperienze, l’attitudine a chiedere cosa e come hanno fatto gli altri è uno degli insegnamenti che questa organizzazione ha radicato in me. E non posso non valorizzare la visibilità che A21 conferisce a tutti in noi quando, sotto la sua egida ci presentiamo presso enti o entità sovra ordinate (penso al dialogo con le regioni, con Anci, Upi, con Bruxelles).

Ora tocca a me e al nuovo direttivo, composto da città grandi, medie, piccole, comuni, regioni, province, disegnare la geografia e cogliere e rispondere alle necessità degli amministratori del nostro Paese.

Tocca a noi realizzare una visione di sviluppo che negli ultimi anni si è trasformata a causa della crisi che ha tolto risorse e diminuito gli investimenti sia pubblici che privati. Ma che al contempo ha fatto affiorare prepotentemente opportunità, inimmaginabili fino a poco tempo fa.

Tutte queste opportunità scaturiscono dai territori, dalla capacità delle nostre comunità e dei dirigenti locali di riportare la qualità del vivere e delle persone al centro della propria agenda di lavoro. Ciò che vogliono i territori e le comunità locali spesso non incarna ciò che la politica al centro persegue. Oggi è il momento dei territori, delle loro eccellenze e necessità di miglioramento, della loro storia, delle loro richieste ma anche del loro valore aggiunto e del loro merito. Diventa importante l’empowerment, il potere positivo dei cittadini che sempre di più, giustamente, ostacola le scelte e le decisioni centripete. La chiave di svolta sta proprio qui!
Guardiamo a quali trasformazioni stiamo assistendo. Il decennio degli impianti lascia il passo al decennio delle reti, della fluidità e della velocità. Il cinquantennio dei consumi e dell’individualismo si è trasformato oggi nel tempo della qualità dei consumi, della sobrietà, del non spreco, del condividere.

Il tempo dello sporco lascia il posto al valore delle bonifiche e del produrre rispettando l’ambiente.
I cittadini, le imprese, non sono più soggetti da normare, da tiranneggiare ma i soggetti insieme ai quali fare le cose con trasparenza e coesione. E le partnership pubblico/privato rappresentano una grande opportunità.

La amministrazione pubblica non può più permettersi di essere lenta, autoreferenziale, immobile, ma deve essere portatrice di fiducia e rispondere alle attese dei cittadini. E volano per lo sviluppo insieme agli altri soggetti del territorio.

I territori tornano al centro di un sistema più ampio che travalica i confini nazionali e guarda all’Europa, come l’Europa guarda fiduciosa ai territori, consapevole che è molto più efficace dialogare e puntare agli enti locali che non agli Stati membri (esempio sia il Patto dei Sindaci). Per questo oggi, molti dei finanziamenti del prossimo programma quadro saranno fondi da erogare direttamente alle amministrazioni locali. E oltre i confini europei, i prossimi 10 obiettivi delle nazioni Unite lanciano il paradigma della sostenibilità quale paradigma mentale per un mondo che voglia sopravvivere e non ferirsi ulteriormente.

Dobbiamo riuscire a superare la delusione e la rabbia e far emergere la fiducia in qualcosa di nuovo, nostro.
Dove nasce la fiducia.
 Nasce dalla certezza che nessuno può più fare da solo. L’altro diventa importante. È insieme agli altri che si crea la qualità della vita. Dobbiamo perseguire il recupero della dimensione comunitaria. La dimensione comunitaria, insieme ad altre comunità, come in una galassia di reti diventa dimensione civica, qualità collettiva della vita, politica. E la fiducia non passa primariamente attraverso la vita politica ma, in primis, attraverso la vita civile.Crescita della cultura della relazione, della vita comune, del civismo, del fare governo con i cittadini. Oggi ci dicono che si fa governance con i piani economici. ERRORE!! La governance si fa attraverso la vita comune. La speranza è nella capacità di vivere in modo moderno una vita comunitaria. Nel nord Europa fanno tutto con vita comunitaria. Noi italiani facciamo fatica.
In tale scenario la nostra rete trova casa, al fianco degli amministratori locali e dei cittadini.

Come fare…
Facciamo comunità insieme e, partendo proprio da noi, ripensiamo a come ci piacerebbe il nostro Paese. Con entusiasmo e passione positiva.
Questa rete è la fotografia di una comunità vera, fatta di gente di tutti i generi, normale, alle prese con i problemi di tutti i giorni, di reti di giovani esperti, di giovani innovatori, di gente che ha voglia di tirare fuori un po’ del proprio sapere, teorico e tecnico, per costruire una idea sistematica e completa di Paese.
E tanta collaborazione, confronto e sinergie. Sempre di più oggi la ripresa del Paese passa attraverso politiche che partono dai territori, non da Piani nazionali, che per altro non ci sono. Diventano nazionali perché capaci di costruire reti di tipo sovraordinato.
La responsabilità non nasce e non si esaurisce a livello centrale, ma come mai prima, a livello locale. Le grandi, le medie, le piccole imprese non hanno bisogno solo di piani nazionali, ma di livelli locali che interagiscano e facciano squadra con loro in forme di partenariato. E che commissionino, in modo da far ripartire la domanda e gli investimenti. Le università hanno bisogno di collaborare a livello locale con le imprese per innovare, la scuola idem per apportare miglioramento al territorio. E la pubblica amministrazione deve essere in grado di offrire uno “stimolo” che faccia da volano al cambiamento ed all’efficienza, al merito, alle competenze. Il tutto nella logica del miglioramento dell’esistente, in chiave di innovazione, apertura, sicurezza, qualità della vita. I territori possono organizzarsi in forme reticolari in cui tutti i soggetti svolgono il proprio ruolo e, al contempo, creare un network di sinergie per scelta, per vocazioni simili, per somiglianza storica, culturale, ecc. E da qui poi arrivare al centro ed alla internazionalizzazione. In una logica che la stessa organizzazione della natura ci mette a disposizione: dal micro al macro.
I territori si muovano sulla scelta dettata dai bisogni reali e conosciuti. Dai bisogni ai progetti e dai progetti ai programmi ed alla realizzazione. Trasformare le priorità in progetti concreti. E si riapproprino della possibilità di fare politica, quella vera, quella con la “P” maiuscola.
Hanno ragione quelli che affermano e praticano che “collaborare è meglio che competere!” E che per competere bisogna collaborare. Ed è anche meglio che non esprimersi. Risvegliamo le coscienze e la passione.
Diamo vita ad un modello di VOLONTARIATO POLITICO, fatto di responsabilità, pragmatismo, legame con i territori e con il Paese, supportato da innovazione, diffusione dei saperi in ogni ambito della vita. POSSIAMO DARE SPERANZA AL FUTURO.

Cosa serve ad una visione sistemica e prospettica di sviluppo sostenibile del Paese
1. Democrazia e futuro (sono alla base di uno Stato moderno. La democrazia garantisce i diritti e stabilisce i doveri. È il tempo del recupero dei valori per garantirci un futuro di pace ed uguaglianza e scongiurare scenari bui che abbiamo già conosciuto e che sempre sono in agguato, in particolare in situazioni di crisi economica che spesso finisce per trasformarsi in crisi soprattutto sociale)
2. Rispetto, fiducia nel cittadino da parte dello Stato/viceversa (il cittadino oggi è vessato dallo Stato, si deve giustificare in mille occasioni della vita professionale, civile. Deve rispettare le regole che lo Stato, in primis, non rispetta. Ciò genera sfiducia reciproca. Dobbiamo trovare la formula per ripristinare un giusto equilibrio nella relazione Stato-Cittadino. Permetterebbe anche di snellire pratiche, burocrazie che oggi si reggono sul presupposto della sfiducia)
3. Giustizia, equità (Giustizia e merito, inclusi i diritti civili. GARANTISCONO LA SICUREZZA DEI TERRITORI)
4. Territori e vocazioni (Italia è un paese a forte vocazione turistica, agroalimentare, made in Italy. Questi vanno perseguiti e valorizzati. I nostri territori, tutti, sono in grado di esprimere eccellenze, non riproducibili altrove. Puntare su quelli. Supportati dall’innovazione e tecnologia). Territori caratterizzati, territori naturali.
5. Europa (federalismo europeo spinto. La moneta unica non regge se alla base non ci sono politiche condivise. Un piano comune può essere lo sviluppo sostenibile. Spezzare il vincolo del tasso di interesse e del debito; giustizia fiscale e lotta all’evasione fiscale; supporto alle imprese che investono in Europa e che quindi rispettano i diritti dei lavoratori, dei territori, dell’ambiente)
6. Comunicazione, partecipazione, trasparenza, legalità (permettono crescita comune, controllo, collaborazione tra il pubblico ed il privato, voluta e creata insieme alla comunità. Evitano la corruzione, l’illegalità, la prevaricazione, l’autoreferenzialità. Fanno più forti le comunità e gli Stati, conferiscono rigore, che oggi la politica ha abbandonato per sposare l’interesse privato, la corruzione, l’oscuro. Libertà di espressione e di stampa)
7. Economia reale (non solo finanza e non soprattutto), partnership pubblico/privato (la finanza è virtuale, in mano a pochi, non rappresenta la vita reale dell’economia di un Paese. L’Italia, dagli anni ’50 in poi è cresciuta in numerosità di piccole imprese, artigiani, liberi professionisti, ecc. L’ossatura del nostro Paese è l’inventiva e la piccola media impresa. Costruiscono l’economia della penisola. Invertire il paradigma è urgente prima di rimanere senza lavoro e senza Stato)
8. Scuola e ricerca (senza scuola e ricerca siamo un Paese candidato al suicidio o alla colonizzazione da parte di altri più virtuosi. Rimaniamo senza futuro, speranza e libertà, oltre che patrimonio economico e sociale in quanto la scuola oltre a formare tecnicamente, forma l’uomo ed il cittadino. Puntare su di un insegnamento capace di innovare e di rendere competitivo il prodotto cultura e formazione. Sistema premiante).
9. Innovazione, tecnologia, sviluppo sostenibile (abbiamo bisogno di aggiornare e rinnovare tutto il territorio. Da più di 40 anni in Italia non si investe in infrastrutture, modernizzazione, tecnologie, ambiente, patrimonio pubblico, beni comuni da salvaguardare. È un settore fondamentale su cui investire e creare posti di lavoro, ricerca, innovazione. Agenda digitale, banda larga).
10. Lavoro, eccellenza, merito, impegno (lavoro sui territori valorizzando le eccellenze degli stessi, senza snaturarli. Merito, impegno, capacità sono da perseguire e premiare. Sistema premiante in ogni capitolo della vita sociale. Sul lavoro riforma più equa in grado di creare opportunità di impiego. Posto fisso forse, garanzie sì. Urgono strumenti nuovi per creare lavoro ed innovazione sociale, anche attraverso le ormai conosciute startup)
11. Riforme, semplificazione (PA al servizio dello sviluppo del territorio. A supporto di chi investe, del lavoro, delle opportunità da cogliere al volo e curare affinché decollino. Supporto ai giovani che vogliono investire e creare posti di lavoro. Rendere competitivi i territori. Pubblica amministrazione efficiente e trasparente, oltre che vivace nelle proposte. Pubblica amministrazione credibile in grado di creare fiducia e condizionare in modo etico i propri stakeholder. Sistema premiante e valorizzazione del merito e dell’eccellenza).
12. Tutela del risparmio e giustizia fiscale (si parla da anni di norme per la tutela del risparmio, invece questo è messo sempre di più a rischio dalla necessità di ricapitalizzazioni. Oltre alla pressione fiscale insopportabile, il cittadino è a rischio anche per ciò che concerne il proprio risparmio. Urge una norma che lo tuteli, come è necessario tutelare dai consulenti finanziari che non rispondono mai delle loro inefficienze. La pressione fiscale oggi paralizza il lavoro, la crescita, gli investimenti; crea un clima sociale incapace di essere attraente. Ammazza qualsiasi iniziativa. Va assolutamente rivista).
13. Azionariato sociale e cooperazione (nuovi paradigmi che possono rappresentare l’alternativa al depauperarsi continuo dei beni comuni. Formula per creare cooperazione, etica, opportunità di lavoro condiviso. No assistenzialismo ma produttività ed utili. Valorizzazione dei beni comuni).

AGENDA 21 E’ UN METODO e una sostanza. Un metodo ed un lavoro collaborativo, aperto a tutti. Si chiede alle persone di rappresentarsi. Si rivolge a tutti coloro che ci stanno, in particolare a coloro che hanno idee e volontà.
Trasparenza, evidenza dei problemi, soluzioni coraggiose, apertura sui dati, sulla scienza, sulla governance.
Insieme più forza per l’ambiente, per gli assessori all’ambiente che spesso dentro le giunte subiscono il peso di deleghe considerate più importanti. Potremmo essere il partito degli assessori all’ambiente, in difesa e rafforzamento di tali deleghe e di altrettanto azioni doverose da compiere.
Scambiamoci il valore delle esperienze reciproche in modo da velocizzare le decisioni, guardiamo all’Europa per portare idee, modi di fare, stile italiano, valori tipici del nostro paese e della nostra democrazia. Ampia discussione all’interno del direttivo, quale modalità di crescita e di sviluppo per Agenda 21 e per noi singoli dentro una squadra di valore.

Propongo anche di cominciare da un numero contenuto di temi da approfondire e sui quali individuare dove è possibile innovare. Non ci occuperemo di tutto, ma saremo bravi su temi selezionati che possono creare modelli innovativi di sviluppo e di capacità da movimentare. Serietà, decisione e coraggio. Innovazione e pragmatismo. Queste le nostre parole d’ordine. Per stare vicini agli amministratori e per far sì che gli amministratori ci vivano come una risorsa vera. Fidelizziamo gli amministratori locali. E creiamo fiducia anche verso il mondo produttivo, asse portante per la crescita dei nostri comuni. Facciamo le cose insieme.

Fin da ora però sottolineo che esistono temi importanti ai quali guardo con grande interesse e speranza.
Per esempio
1. La gestione integrata dei rifiuti ed il prossimo accordo ANCI/CONAI
2. L’economia dai rifiuti per sviluppare ricerca, innovazione e da qui nuovi posti di lavoro. Economia circolare
3. Lotta allo spreco in ogni sua forma
4. Industria e bonifiche. I SIN
5. Lavoro, ambiente salute
6. Open data, trasparenza, efficienza

Una suggestione. Potremmo anche pensare di allargare l’orizzonte dei soci sostenitori, accogliendo le aziende sanitarie che hanno bisogno di know how, il nostro, per parlare il linguaggio dell’efficientamento energetico, della gestione efficiente del ciclo dei rifiuti, della lotta allo spreco. Le risorse risparmiate potrebbero diventare prestazioni sanitarie. Per una gestione sostenibile che permetta di destinare maggiori risorse alle prestazioni da erogare ai cittadini.

Grazie ancora a tutti e al lavoro.

La Presidente
Rossella Zadro

21 settembre 2013

XIV ASSEMBLEA NAZIONALE, FERRARA 6 LUGLIO 2012

Introduzione
Programma
Scheda di registrazione
Dove dormire
Photogallery
1615-logo-eventoRipensare, ricostruire, ripartire. La XIV Assemblea Nazionale del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, nei giorni successivi al sisma cha ha colpito il territorio emiliano, vuole chiamare a raccolta la gente e riempire la città per trasferire conoscenze e aggregare contenuti e competenze per una ricostruzione sostenibile, condividere con la comunità le aree di lavoro tenendo presente i modelli delle smartcities, portare idee concrete per trasformare i danni in opportunità, facilitare la diffusione e creazione di nuove competenze e lavoro, condividere le modalità per tracciare con la trasparenza l’allocazione dei fondi e i passi e i risultati della ricostruzione. Questo evento è stato organizzato con il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Emilia Romagna, UPI,. Provincia di Bologna, Provincia di Modena, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Bologna, Comune di Mantova, Comune di Modena, Comune di Reggio Emilia, Comune di Rovigo.

EMILIANI, BRAVA GENTE: RIPENSARE, RICOSTRUIRE, RIPARTIRE

Ore 10.00

Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Ore 10.30

Sindaco Tiziano Tagliani, Sindaco di Ferrara

Ore 11.00

Tavola Rotonda introduttiva. Rossella Zadro Assessore all’Ambiente Comune di Ferrara presenta: Nazzareno Gabrielli, Banca Etica; Claudio Ricci, Sindaco Assisi; Stefania Pezzopane, ex Presidente della Provincia dell’Aquila. Modera Riccardo Luna

Ore 12.00

Presentazione della piattaforma “Protezione civica”

Riccardo Luna

Ore 12.30-13.30

Incontro con Comuni per uso della piattaforma “protezione civica” e confronto/collegamento con siti locali costruiti per l’emergenza

Sono invitati Vasco Errani Presidente della Regione Emilia Romagna e Commissario straordinario; Graziano Del Rio, Presidente ANCI.

Pausa

Ore 14.30

Barcamp in parallelo.

I relatori della tavola rotonda del mattino potranno scegliere un Barcamp a cui partecipare

1. I danni di oggi e le opportunità di domani: trovare le risorse, ricostruire secondo i principi di sicurezza innovazione e sostenibilità, fare leva sulla economia verde, verso smart cities

Interventi di:

Claudio Broglia, Sindaco di Crevalcore

Aldo Modenesi, Assessore alla Protezione Civile e Lavori Pubblici Comune di Ferrara

Giuseppe Zollino, Università di Padova

Franco Arminio, scrittore e paesologo

Coordina Mariella Stella, Progetto Rena

Interventi

2. Lavoro e innovazione: imparare mestieri e nuove tecnologie per ripartire

Interventi di:

Marisa Parmigiani, vice presidente Fondazione Barberini, segretario Impronta Etica

Giovanni Corbetta, Direttore Generale di Ecopneus

Claudio Bighinati, Presidente Giovani Industriali Unindustria Ferrara

Testimonianza: Antonio Vignali, Bioteco S.r.l.

Coordina Matteo Bartolomeo, Avanzi Makeacube

Interventi

3. Trasparenza e partecipazione: gestire i fondi in modo trasparente: tracciabilità delle donazioni, piattaforme di condivisione “open data” della ricostruzione.

Interventi di:

Ettore di Cesare, Openpolis, consigliere Comunale L’Aquila

Michele D’Alena, Tagbolab

Andrea Sesta, Impossibleliving

Coordina Daniela Luise, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Interventi

Sono stati invitati e sono previsti gli interventi di: Andrea Mochi Sismondi, Smart Cities Exhibition; Bruno Villavecchia, Amat Milano; Moulay El Akkioui, segretatio nazionale FILLEA-CGIL; Walter Ganapini, Presidente di Sisifo Italia; Paolo Testa, Cittalia

ore 16.30

Sintesi dei barcmap, coordina Emanuele Burgin

Chiusura, ringraziamenti e saluti Stefano Vaccari, Assessore all’Ambiente Provincia di Modena

Organizzatori

Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Comune di Ferrara

In collaborazione con

Wikitalia, Forum PA, Progetto RENA, Avanzi , Openpolis, Ecomondo tutto l’anno, Fondazione Barberini, Impronta Etica, Indica, Make a Cube, [im]Possible living

Patrocini

Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Emilia Romagna, UPI, Provincia di Bologna, Provincia di Modena, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Bologna, Comune di Mantova, Comune di Modena, Comune di Reggio Emilia, Comune di Rovigo, ANCI

Media partner

Internazionale

H.K.

Peja Design

Risorse

L’iniziativa è a costo zero

Ringraziamo i partecipanti per aver fornito gratuitamente idee e risorse


Per registrarsi si prega di compilare la scheda e rispedirla ENTRO E NON OLTRE IL 30 GIUGNO 2012 alla Segreteria del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, via fax al numero 059/209142 o via email acoordinamento.agenda21@provincia.modena.it

Scheda di registrazione

XIII ASSEMBLEA NAZIONALE, FIRENZE 25-26 MAGGIO 2012

Introduzione
Programma
Scheda di registrazione
Presentazioni conferenze
Assemblea ordinaria
Photogallery

Si è tenuta a Firenze, a Terra Futura, la XIII Assemblea del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane. Il programma è iniziato la mattina di venerdì 25 maggio con un workshop organizzato in collaborazione dai Gruppi di Lavoro A 21 locale per Kyoto, Facciamo i conti con l’ambiente, Città sostenibili, Ambiente e salute, che hanno presentato i nuovi strumenti operativi per il governo delle politiche di sostenibilità. Il pomeriggio poi è proseguito con una conferenza sul ventennale del Programma LIFE della Commissione Europea, durante la quale è stata effettuata una panoramica di progetti, già conclusi o ancora attivi, su tematiche distinte allo scopo di fornire spunti per possibili sviluppi futuri e per nuove iniziative da avviare. E’ stato affrontato in particolare in questa parte il tema di Rio +20 grazie agli interventi del Direttore scientifico del WWF Gianfranco Bologna e del Past President del Coordinamento delle Agende 21 Locali Italiane Emilio D’Alessio. Nel corso della conferenza sono stati presentati una ventina di progetti sviluppati con il contributo della UE su tematiche molto differenti, dal cambiamento climatico, agli acquisti verdi, alla riduzione dei rifiuti, alla gestione dell’acqua, e sono stati approfonditi, grazie agli interventi del Direttore scientifico del WWF Gianfranco Bologna e del Past President del Coordinamento delle Agende 21 Locali Italiane Emilio D’Alessio, i molti argomenti legati al Summit ONU che si terrà a Rio De Janeiro a giugno. Il programma dell’Assemblea ha ripreso il 26 con un convegno su “Il Patto dei Sindaci: i Piani di Azione per l’Energia Sostenibile ed oltre” durante il quale, oltre all’intervento di Sergio Castellari, Responsabile del Gruppo Relazioni Istituzionali e Politiche dell’Adattamento del Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici, di Ermete Realacci, Presidente della Fondazione Symbola e di Tommaso Sodano, in rappresentanza dell’Anci, è stata celebrata la consegna dei premi del concorso A+COM promosso da Alleanza per il Clima Italia e Kyoto Club. Nell’arco dei due giorni hanno partecipato enti locali provenienti da tutta Italia. In particolare: i Comuni di Milano, di Napoli, di Roma, di Bologna, di Padova, di Pavia, di Reggio Emilia, di Mantova, di Capannori, di Collegno, di San Benedetto del Tronto, di Leverano e di Borgofranco d’Ivrea, le Province di Firenze, Palermo, Torino, Rimini, Siena, Bologna, Teramo, Ferrara e le Regioni della Sicilia, della Campania e della Liguria.


Scarica il programma in formato pdf

VENERDI 25 MAGGIO 2012

Workshop ore 10.00-13.00

Gli strumenti per il governo delle politiche di sostenibilità: nuove frontiere, nuovi sistemi e nuovi indicatori

  • Strumenti e buone pratiche del Coordinamento Agende 21 Locali

Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

  • Piani urbani per il clima: pratiche per l’adattamento e la mitigazion: presentazione del Documento di indirizzo

Vanni Bulgarelli, GdL Città Sostenibili

  • Accountability del clima: monitoraggio e rendicontazione del SEAP e l’allineamento con il Bilancio Sociale: presentazione del Documento di indirizzo

Ugo Ferrari, Assessore Risorse del Territorio Comune di Reggio Emilia

Susanna Ferrari, GdL Facciamo i conti con l’Ambiente

Daniela Luise, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

  • Discussione
  • Conclusioni

I documenti che saranno presentati sono stati messi a punto in collaborazione dai Gruppi di lavoro A 21 locale per Kyoto, Facciamo i conti con l’ambiente, Città sostenibili, Ambiente e Salute ed Indica S.r.l.

Incontri paralleli ore 10.30 – 13.30

Gruppi di Lavoro del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Turismo Sostenibile

Tandem

Città medio-piccole e Paesaggio, Biodiversità e Partecipazione

Conferenza Nazionale ore 14.00-18.30

Agenda 21 e i 20 anni di LIFE in Italia

in occasione del ventennale del Programma LIFE della Commissione Europea

  • Introduzione
    Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
  • Intervento
    Corrado Clini, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
  • I Risultati dell’Indagine “Enti Locali Italiani verso il Summit Rio + 20
    Walter Sancassiani, Focus Lab
  • Progetto ECO Courts: le famiglie come leva per il cambiamento degli stili di vita
    Daniela Luise, Comune di Padova
  • Progetto GAIA, Strumenti di governance per la forestazione urbana
    Roberto Diolaiti, Comune di Bologna
  • CHAMP: partnership europea e kit formativo on-line per la risposta locale ai cambiamenti climatici
    Orsola Bolognani, Ambiente Italia
  • Il Progetto LOWaste: obiettivi e risultati attesi
    Rossella Zadro, Assessore Comune di Ferrara
  • Il Progetto WATACLIC: idee per gestire meglio le acque nei centri urbani
    Fabio Masi, Iridra
  • Il futuro che vogliamo: lo sviluppo sostenibile locale riparte da Rio+20
    Emilio D’Alessio, Past President Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
  • No.Waste e gli altri progetti europei del Comune di Reggio Emilia
    Giovanni Ferrari, Comune di Reggio Emilia
  • LAIKA: un progetto per la valorizzazione delle azioni locali per il clima
    Sabrina Meandri, Comune di Milano
  • ACT: verso un piano di adattamento locale per le città del Mediterraneo
    Marco Cardinaletti, Comune di Ancona
  • Un’azione per la diffusione del GPP
    Silvano Falocco, Ecosistemi srl
  • Eco-Cluster – Modello di Cooperazione Ambientale per Cluster
    Filippo Lenzerini, Punto 3
  • Chianti Wasteless: attuazione e monitoraggio di un programma integrato per la riduzione dei rifuti
    Orsola Bolognani, Ambiente Italia
  • Verso Rio+20: imparare a vivere nei limiti di un solo Pianeta
    Gianfranco Bologna, WWF Italia
  • HIA21- un promettente connubio tra la VIS e i processi partecipativi
    Tommaso Pagliani, Consorzio Mario Negri Sud
  • La sfida del progetto LIFE+ PROMISE: la consapevolezza ambientale di Pubbliche Amministrazioni, Produttori, Distributori, Consumatori
    Gaetano Schena, Nadia Galluzzo, Regione Liguria
  • Pubblico e privato insieme per il clima. Il progetto LIFE L.A.C.R.e
    Giovanna Rossi, Provincia di Livorno
  • Partnership pubblico-privato finalizzata al risparmio idrico nella filiera agroalimentare- l’approccio del progetto AQUA
    Donatella Ferri, ARPA Emilia-Romagna
  • Il Progetto Green Site: tecnologie innovative di bonifica per i sedimenti in ambito lagunare
    Gianluca Santi, eAmbiente
  • Chi meno inquina meno paga- la logica di CREWSOD
    Angela de Lauretis, AM Consorzio Sociale
  • Cambia il clima in città! Le buone prassi del progetto RACES per una cittadinanza sostenibile
    Valentina Grasso, CNR IBIMET
  • LIFE CRAINat: obiettivi e primi risultati in Abruzzo, Molise e Lombardia
    Federica Piccoli, Consorzio Mario Negri Sud
  • La sfida del turismo sostenibile nelle destinazioni turistiche di massa
    Enzo Finocchiaro, Provincia di Rimini
  • Conclusioni
    Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
  • Fine lavori
  • Cena Sociale (ore 21)

SABATO 26 MAGGIO 2012

Convegno 9.00 – 11.30

  • Registrazione

Coordina

Silvia Zamboni, giornalista e scrittrice ambientalista

  • Saluti

Matteo Renzi, Sindaco di Firenze

  • Green Economy e sviluppo locale capace di futuro

Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola

  • Efficienza energetica – la fonte europea di energia da scoprire

Monica Frassoni, Presidente European Alliance to Save Energy

Consegna dei Premi A+COM con laudationes

  • Comune vincitore categoria fino a 5.000 abitanti

Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia

  • Comune vincitore categoria da 5.000 a 20.000 abitanti

Annalisa Corrado, AzzeroCO2

  • Comune vincitore categoria da 20.000 a 90.000 abitanti

Antonio Lumicisi, Ministero dell’Ambiente

  • Comune vincitore categoria oltre 90.000 abitanti

Mario Agostinelli, Associazione Energia Felice

  • Verso una Strategia Nazionale di Adattamento ai cambiamenti climatici

Sergio Castellari, Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici (CMCC)

Assemblea Ordinaria ore 11.30-13.30

Inizio Lavori

  • Relazione Programmatica 2012

Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

  • Presentazione Bilancio Consuntivo 2011, Bilancio Preventivo 2012 e Bilancio Sociale 2011

Daniela Luise, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

  • Dibattito e votazioni
  • Chiusura Assemblea

L’evento di Sabato 26 Maggio è organizzato in collaborazione con Alleanza per il Clima Italia, Kyoto Club, progetto EIE NETCOM.

Con il Patrocinio di:
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
ANCI
UPI
UNCEM
Federparchi
Comune di Firenze
Provincia di Firenze
Regione Toscana

La prenotazione della cena è obbligatoria.
L’iscrizione ai gruppi di lavoro è aperta e gratuita.

Informazioni e registrazioni:
Segreteria Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
coordinamento.agenda21@provincia.modena.it
Tel. 059/209434-Fax 059/209142


Per registrarsi si prega di compilare la scheda e rispedirla alla Segreteria del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, via fax al numero 059/209142 o via email a ccordinamento.agenda21@provincia.modena.it

Scheda di registrazione

VENERDI 25 MAGGIO 2012

Gli strumenti per il governo delle politiche di sostenibilità: nuove frontiere, nuovi sistemi e nuovi indicatori

Piani urbani per il clima: pratiche per l’adattamento e la mitigazione: Presentazione del Documento di indirizzo
Vanni Bulgarelli, GdL Città Sostenibili

Accountability del clima: monitoraggio e rendicontazione del SEAP e l’allineamento con il Bilancio Sociale: Presentazione del Documento di indirizzo
Ugo Ferrari, Assessore Risorse del Territorio Comune di Reggio Emilia
Susanna Ferrari, GdL Facciamo i conti con l’ambiente
Daniela Luise, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Agenda 21 e i 20 anni di LIFE in Italia

I risultati dell’ indagine “Enti Locali Italiani verso il Summit Rio+20”
Walter Sancassiani, Focus Lab

Progetto ECO Courts: le famiglie come leva per il cambiamento degli stili di vita
Daniela Luise, Comune di Padova

Progetto GAIA, Strumenti di governance per la forestazione urbana
Raffaella Gueze, Comune di Bologna

CHAMP: partnership europea e kit formativo on-line per la risposta locale ai cambiamenti climatici
Orsola Bolognani, Ambiente Italia

Il Progetto LOWaste: obiettivi e risultati attesi
Rossella Zadro, Assessore Comune di Ferrara

Il Progetto WATACLIC: idee per gestire meglio le acque nei centri urbani
Fabio Masi, Iridra

Il futuro che vogliamo: lo sviluppo sostenibile locale riparte da Rio+20
Emilio D’Alessio, Past President Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

No Waste e gli altri progetti europei del Comune di Reggio Emilia
Giovanni Ferrari, Comune di Reggio Emilia

LAIKA: un progetto per la valorizzazione delle azioni locali per il clima
Sabrina Melandri, Comune di Milano

ACT: verso un piano di adattamento locale per le città del Mediterraneo
Marco Cardinaletti, Comune di Ancona

Un’azione per la diffusione del GPP
Silvano Falocco, Ecosistemi srl

Eco-Cluster – Modello di Cooperazione Ambientale per Cluster
Filippo Lenzerini, Punto 3

Chianti Wasteless: attuazione e monitoraggio di un programma integrato per la riduzione dei rifiuti
Orsola Bolognani, Ambiente Italia

Verso Rio+20: imparare a vivere nei limiti di un solo Pianeta
Gianfranco Bologna, WWF Italia

HIA21 – un promettente connubio tra la VIS e i processi partecipativi
Tommaso Pagliani, Consorzio Mario Negri Sud

La sfida del progetto LIFE+ PROMISE: la consapevolezza ambientale di Pubbliche Amministrazioni, Produttori, Distributori, Consumatori
Gaetano Schena, Nadia Galluzzo, Regione Liguria

Pubblico e privato insieme per il clima. Il progetto LIFE L.A.C.R.e.
Giovanna Rossi, Provincia di Livorno

Partnership pubblico-privato finalizzata al risparmio idrico nella fliera agroalimentare – l’approccio del progetto AQUA
Donatella Ferri, ARPA Emilia Romagna

Il Progetto Green Site: tecnologie innovative di bonifica per i sedimenti in ambito lagunare
Gianluca Santi, eAmbiente

Chi meno inquina meno paga – la logica di CREWSOD
Angela De Lauretis, AM Consorzio Sociale

Cambia il clima in città! Le buone prassi del progetto RACES per una cittadinanza sostenibile
Valentina Grasso, CNR IBIMET

LIFE CRAINat: obiettivi e primi risultati in Abruzzo, Molise e Lombardia
Federica Piccoli, Consorzio Mario Negri Sud

La sfida del turismo sostenibile nelle destinazioni turistiche di massa
Enzo Finocchiaro, Provincia di Rimini

SABATO 26 MAGGIO 2012

Il Patto dei Sindaci: i Piani di Azione per l’Energia Sostenibile ed oltre

Efficienza energetica – la fonte europea di energia da scoprire
Monica Frassoni, Presidente European Alliance to Save Energy

Verso una Strategia Nazionale di Adattamento ai cambiamenti climatici
Sergio Castellari, Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici

XII ASSEMBLEA NAZIONALE, SIENA 8-9 APRILE 2011

Introduzione
Programma
Scheda di registrazione
Presentazioni conferenze
Progetto Wisard
Photogallery


782-banner-dossier-eventoAppuntamento in Toscana quest’anno per gli enti locali più sostenibili del paese in occasione della dodicesima Assemblea del Coordinamento Agende 21 Locali italiane. L’8 e il 9 aprile a Siena si riuniranno infatti Comuni, Province e Regioni di tutta Italia per due giorni di dibattiti e incontri di approfondimento. “Cambiamenti climatici, governo del territorio, Green Economy” è il titolo dell’evento che affronterà i temi più attuali sul fronte della sostenibilità in diverse sessioni parallele.

Intervista a Mathis Wackernagel, Presidente del Global Footprint Network
“Fondamentale anche per le città e i territori monitorare il consumo di risorse naturali”

Perché gli enti locali dovrebbero monitorare il loro consumo di risorse naturali?
Il calcolo dell’Impronta Ecologica consente ai governi di monitorare la domanda di capitale naturale di una città o di una regione e di confrontare questa domanda con la quantità di capitale naturale effettivamente disponibile. Il calcolo offre ai governi anche la capacità di rispondere a domande più specifiche sulla distribuzione di queste richieste all’interno della loro economia.

Scarica l’intervista inegrale (English version).


Scarica il programma in formato PDF

VENERDÌ 8 APRILE 2011

Comunità europee energeticamente sostenibili: un’azione efficace ed integrata per l’energia sostenibile.

Sustainable Now: Strumenti ed azioni per la riduzione delle emissioni di CO2 e l’energia sostenibile

Ore 9.30 RegistrazioneCoordinatore: Gabriele Berni, Assessore Ambiente-Energia, Provincia di
Siena, project partner Sustainable NowSaluti e apertura lavori
Emanuele Burgin
Presidente Coordinamento Agende 21 Locali ItalianeAnna Rita Bramerini
Assessore all’ Ambiente ed energia, Regione ToscanaFlavio Morini
Delegato alla Politiche Ambientali e Territoriali, ANCIL’impronta carbonica: indicatore innovativo per il clima
Mathis Wackernagel, Network Global footprintWizard, strumento per facilitare la costruzione del PAES
Rian van Staden, project partner Sustainable NowLe azioni delle Regioni per il clima
Filippo Lenzerini, Coordinamento Agende 21, project partner LG ActionOpportunità formative per i Piani Clima
Maria Berrini,Ambiente Italia, project partner CHAMPStrumenti per le Strutture di Supporto al Patto dei Sindaci
Maryke van Staden, ICLEI, project partner Energy for MayorsGPP e la quantificazione di CO2 evitata
Livia Mazzà, Ecosistemi, project partner GPPinfoNETPartnership pubblico-privato per il clima
Giovanna Rossi, Provincia di Livorno, Marjorie Breyton, Impronta Etica, project partners LACReModello d’inventario delle emissioni locali per il Piano Clima
Michele Sansoni, ARPA Emilia-Romagna project partner LAKSSemplificazione dell procedure per le energie rinnovabili
Silvano Falocco, Ecosistemi, progetto Inter ParesI crediti di carbonio per le città
Annalisa Gussoni, Sett.Politiche Ambientale Comune di Milano, Project Manager LAIKA e Bruno Villavecchia, AMAT Milano
Ore 13.00 Buffet sostenibile
Ore 14.00 I temi emergenti – Workshops in sessioni parallele

Cambiamenti climatici ed energia sostenibile verso la COP17 di Durban

Coordinatore: Emilio D’Alessio, Past President Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Il ruolo delle città nel nuovo accordo globale sul clima
Emilio D’Alessio, Past President Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Il PAES di Genova
Pinuccia Montanari, Assessore Patto dei Sindaci e decrescita Comune di Genova Maria Fabianelli, Amministratore Delegato ARE-Liguria

Il Piano di Azione Locale per l’Energia (LEAP) dei Comuni del Trasimeno Medio Tevere
Francesco Tutino, Comune di Bologna e Louis Montagnoli, C.M. Associazione dei Comuni Trasimeno-Medio Tevere, project partners Sustainable Now

Il RUE del Comune di Collegno
Barbara Martina, Assessore Ambiente Comune di Collegno

Patto dei Sindaci: una nuova sfida per le Agende 21 della Toscana
Lorella Lentucci, Rete delle Agende 21 Locali della Toscana

Dibattito

La Green Economy verso il IV Summit Mondiale per lo Sviluppo Sostenibile di Rio+20

Coordinatore: Alessandro Bratti, Commissione Ambiente Camera dei Deputati

La Green Economy
Antonio Davide Barretta, Direttore Generale Regione Toscana, Economista Università di Siena

Programma per l’Economia Verde della Regione Umbria
Silvano Rometti, Assessore Ambiente e Territorio, Regione Umbria

L’edilizia in legno in Toscana
Pietro Novelli, Responsabile PO Sostenibilità dello Sviluppo locale Regione Toscana

La competitività ambientale e la Responsabilità sociale d’impresa
Primo Barzoni, vicepresidente ASSOSCAI

I produttori di energia da Fonti rinnovabili per la Green Economy
Tommaso Barbetti, Settore mercato e incentivi, APER

Il CONAI e le opportunità per gli Enti Locali
a cura di Conai, Area Rapporti con il Territorio

Dibattito

Consumo di suolo, riqualificazione urbana, verso un governo sostenibile del territorio

Coordinatore: Lorenzo Garibaldi, Assessore Agenda 21 Comune di Siena

Rapporto sul consumo di suolo 2010
Damiano Di Simine, Legambiente-INU, Centro ricerca Consumi di suolo

Il nuovo PGT della Città di Milano per uno Sviluppo Sostenibile
Carlo Maria Masseroli, Assessore Sviluppo del Territorio, Comune di Milano

La riduzione del consumo di suolo nel PTCP della Provincia di Torino
Roberto Ronco, Assessore Ambiente, Provincia di Torino

Il valore delle foreste e del verde urbano come deposito di carbonio e di adattamento ai cambiamenti climatici
Francesco Loreto e Carlo Calfapietra, CNR-IBAF

Dibattito

Ore 16.00 Fine sessioni parallele
Ore 16.15

Le attività dei Gruppi di Lavoro del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane: consuntivo 2010 e programma 2011 – Sessione plenaria

Presiede Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiani

Collegamento con il XXVII Congresso Nazionale IN

  • Le attività dei Gruppi di Lavoro
  • Presentazione del nuovo sito web dell’associazione
Ore 18.30 Chiusura lavori
Ore 20.00 Incontro di benvenuto presso il Palazzo Comunale, Piazza Il Campo 1
Visita agli affreschi del Lorenzetti sul Buon Governo
Ore 21.00 Cena Sociale (su prenotazione) presso sede di una Contrada del Palio di Siena

SABATO 9 APRILE 2011

XII Assemblea Nazionale dei Soci del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Ore 9.00 Registrazione
Ore 9.30 Saluti ed interventi istituzionaliPresiede Maurizio Cenni, Sindaco Comune di Siena

  • Simone Bezzini, Presidente Provincia di Siena e UPI
  • Renzo Crescioli, Assessore Ambiente Provincia di Firenze e Rete delle Agende 21 della Toscana
  • On. Stefania Prestigiacomo, Ministro dell’Ambiente e per la Tutela del Territorio e del Mare (invitato)

Ospiti internazionali:

IV Summit Mondiale ONU sullo Sviluppo Sostenibile Rio+20 2012
Jan-Gustav Strandenaes, consulente UN-DESA per i major groups
Paolo Soprano, Ministero dell’Ambiente, membro del Bureau del Preparatory Commitee di Rio+20

Impronta ecologica globale: rapporto 2010
M. Wackernagel
Presidente del network mondiale sull’Impronta Ecologica

Un ricordo di Enzo Tiezzi, Università di Siena
con Giuseppe Cederna attore-scrittore

Relazione Programmatica 2011 e presentazione Bilancio Sociale 2010
Emanuele Burgin, Presidente Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Presentazione Bilancio Consuntivo 2010 e Bilancio Preventivo 2011
Eriuccio Nora, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Dibattito e votazioni

Presentazione candidatura Presidente e membri del Consiglio Direttivo

Dibattito e votazioni

Ore 13.00 Chiusura Assemblea e prima seduta del Consiglio Direttivo 2011-2013

Per registrarsi si prega di compilare la scheda e rispedirla alla Segreteria del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, via fax al numero 059/209142 o via email a coordinamento.agenda21@provincia.modena.it entro il 26 Marzo 2011.
Scheda di registrazione.


È stato affidato al project partner Rian Van Staden il compito di presentare per la prima volta il software Wizard, sviluppato nell’ambito del progetto Sustainable Now.

Il nuovo strumento on line è stato realizzato per ridurre le emissioni di CO2, individuando le azioni da mettere in campo nelle singole città per migliorare il risparmio energetico.

“Dobbiamo essere consapevoli – ha detto Van Staden – del fatto che il fattore tempo è determinante e per questa ragione catalogare le buon pratiche in modo corretto e utile è fondamentale.”

Il compito di Wizard infatti è rendere più semplice, grazie ad una procedura guidata, la strutturazione dei Piani di Azione Locale per l’Energia, che riuniscono gli interventi necessari a migliorare l’efficienza energetica nei singoli comuni e nelle province. È sufficiente che l’ente locale compili un questionario on line all’indirizzohttp://wizard.sustainable-now.eu/ e il software, grazie ad una comparazione di casistiche simili, catalogate in un database programmato appositamente, fornisce un prospetto delle azioni da adottare e della corrispettiva riduzione di CO2. La scheda che ne deriva del resto non indica solo l’impostazione generale della strategia energetica, ma identifica anche i passaggi intermedi da seguire e i principali attori da coinvolgere nel processo.

“Wizard – ha concluso Van Staden – riduce al minimo i rischi di replicare le buone pratiche sviluppate in altre città.”

Nell’ambito del Convegno “Sustainable Now: strumenti ed azioni per la riduzione delle emissioni di CO2 e l’energia sostenibile”, è stata illustrata una rassegna di soluzioni funzionali e replicabili già sperimentati

Sono stati 9 i progetti europei presentati venerdì 8 aprile nell’ambito del convegno “Sustainable Now: strumenti ed azioni per la riduzione delle emissioni di CO² e l’energia sostenibile” con l’obiettivo di fornire idee per soluzioni funzionali, replicabili e realizzabili nei diversi territori perché già sperimentati e consentire un approfondimento e un momento di formazione ma anche di dibattito e confronto. Moltissimi gli interventi com’è possibile vedere nella photogallery.

Apertura dei lavori del convegno Comunità europee energeticamente sostenibili Anna Rita Bramerini, Emanuele Burgin e Gabriele Berni Rian van Staden, project partner Sustainable Now Filippo Lenzerini, CA21L project partner LG Action Maria Berrini, Ambiente Italia - project partner CHAMP Livia Mazzà, Ecosistemi - project partner GPPinfoNET Giovanna Rossi, Provincia di Livorno - project manager LACRe Bruno Villavecchia, AMAT Milano Una delle sessioni parallele del pomeriggio 1023 1027 1033

Alcuni momenti del pomeriggio di venerdì 8 aprile

Tre sessioni parallele per un totale di 15 interventi con relatori provenienti da tutto il paese. I 3 workshops del pomeriggio di venerdì 8 aprile hanno affrontato argomenti di grande attualità che sono stati sviluppati grazie alla partecipazione di professionisti, amministratori, urbanisti ed esperti.

Una delle sessioni parallele del pomeriggio Una delle sessioni parallele del pomeriggio 0920 0921

Nel pieno dell’assemblea di sabato 9 aprile

Sabato 9 aprile sono intervenuti Jan-Gustav Strandenaes, consulente UN-DESA per i major groups%u2028Paolo Soprano, Ministero dell’Ambiente, membro del Bureau del Preparatory Commitee di Rio+20 e Mathis Wackernagel, presidente del Global Footprint Network.

P1020925 P1020928 P1020929 Ecco il nuovo Consiglio Direttivo del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane